İtalya erken seçimlere gidiyor: Aşırı sağ iktidara geliyor mu?

0

L’Italia si prepara alle elezioni politiche anticipate che si terranno il 25 settembre. Quali partiti parteciperanno dunque alle elezioni, quali candidati saranno in prima linea e, come indicano gli ultimi sondaggi, l’estrema destra vincerà alle urne con una maggioranza schiacciante?

PUBBLICITÀ

Il periodo di campagna elettorale dei partiti politici si è concluso prima delle elezioni generali che si terranno il 25 settembre in Italia. Quali partiti parteciperanno dunque alle elezioni, quali candidati saranno in prima linea e, come indicano gli ultimi sondaggi, l’estrema destra vincerà alle urne con una maggioranza schiacciante?

Prima di cercare risposte a queste domande, diamo un’occhiata al motivo per cui in Italia si sono svolte elezioni anticipate e alle ragioni dello scioglimento della coalizione di governo.

Perché l’Italia andrà alle elezioni anticipate?

Le elezioni generali in Italia si sarebbero infatti tenute la prossima primavera. Tuttavia, dopo le dimissioni del Primo Ministro Mario Draghi il 21 luglio, lo scioglimento del governo di grande coalizione, che comprendeva partiti di sinistra, di destra e centristi, ha invitato anche a elezioni anticipate.

Draghi era diventato un leader apprezzato dal pubblico mondiale per aver guidato la ripresa economica dell’Italia post-Covid-19 nel 2021. La prestigiosa rivista The Economist, infatti, ha scelto l’Italia come “Paese dell’anno”.

Draghi è salito al potere dopo il crollo di un’altra coalizione guidata da Giuseppe Conte nel gennaio 2021. Il motivo delle dimissioni è stato ancora una volta Conte. Perché il Movimento Cinque Stelle, guidato da Conte, ha ritirato il suo sostegno al decreto sugli aiuti economici di Draghi, creando un “terremoto” nella coalizione.

Partiti, coalizioni, leader

Secondo gli ultimi sondaggi d’opinione, il partito Fratelli d’Italia (FDI), guidato dalla leader di estrema destra Giorgia Meloni, è il partito più importante della “coalizione di centrodestra”. La coalizione composta da quattro partiti, tra cui la Lega Nord di Matteo Salvini (Lega Nord, LN) e Forza Italia (FI) di Silvio Berlusconi, dovrebbe arrivare prima alle urne. Ciò indica che esiste un’alta probabilità che un leader di estrema destra diventi primo ministro. Le radici di Fratelli d’Italia, che secondo i sondaggi riceverà più voti nella coalizione, risalgono al Movimento Sociale Italiano, un partito neofascista fondato dopo la morte di Benito Mussolini. Fratelli d’Italia, formazione conservatrice e nazionalista, viene costantemente criticato per i suoi legami con il fascismo, da cui si afferma che non si è ancora ripreso.

Ad esempio, il professor Andrea Mammone, esperto di storia politica dell’estrema destra italiana dell’Università La Sapienza di Roma, ha dichiarato a Euronews che il partito è “in linea con la tradizione neofascista” e che “molti dei suoi membri hanno una approccio positivo nei confronti del regime di Mussolini.”

Due esponenti della FDI sono infatti discendenti diretti del dittatore Benito Mussolini e non esitano a sottolineare che portano il suo cognome “con orgoglio”. Inoltre, Meloni sembra aver descritto Mussolini in un’intervista del 1996 come un “buon politico” che “ha fatto tutto per l’Italia”.

Tuttavia, nell’attuale manifesto di Fratelli d’Italia non c’è alcun riferimento diretto al fascismo, ma è interessante notare che la Meloni utilizza ancora una retorica di dura destra che enfatizza “Dio, patria e famiglia”. All’inizio di quest’estate, ha criticato le “lobby” LGBTQ+ e la “violenza islamica” in un discorso tenuto durante una manifestazione di estrema destra.

Il leader della Lega Nord Salvini all’ombra di Melkoni

La Lega Nord e il suo leader Matteo Salvini, il cui partito è riuscito da solo a superare la soglia del 40% nel 2019, sono stati superati dall’estrema destra solo 3 anni dopo.

La Lega Nord è nata negli anni ’90 come movimento separatista che chiedeva l’indipendenza delle prospere regioni settentrionali d’Italia, ed è stata rinominata forza nazionalista da Salvini dopo il 2010.

Salvini continua la sua posizione anti-immigrazione di lunga data. Sebbene sia noto che sia un fan del presidente russo Vladimir Putin, si è opposto all’invasione dell’Ucraina ed è riuscito a prendere le distanze dal Cremlino. Ma ha anche affermato che le sanzioni contro la Russia danneggiano più gli italiani che i russi.

Berlusconi ve Forza Italia

Il partito dell’ex primo ministro Sylvio Berlusconi ha un approccio più moderato rispetto ai suoi omologhi della coalizione. Tuttavia, il politico italiano, il cui nome è spesso associato a scandali, è stato condannato per evasione fiscale nel 2013. Ha perso la sua base elettorale nonostante la sua amicizia decennale con Putin e le accuse di aver “sollecitato servizi sessuali” da una ragazza minorenne. Per questo motivo, anche se è diventato una forza minore nella coalizione, il sostegno di Berlusconi a Meloni e Salvini sembra necessario per garantire che la coalizione raggiunga la maggioranza. Ciò significa che il partito del controverso ex primo ministro può ancora cambiare gli equilibri e avere un potere significativo.

Il principale partner della coalizione di sinistra è il Partito Democratico

Dall’altro lato dello spettro politico c’è la coalizione di centrosinistra (coalizione di centrosinistra). Il principale partner della coalizione, il Partito Democratico (Partito Democratico; PD), è guidato da Enrico Letta, che è stato primo ministro tra il 2013 e il 2014.

Il partito ha generalmente una posizione moderata e filoeuropea. È fortemente contrario a Putin e alla guerra in Ucraina. Sostiene apertamente anche i diritti LGBTQ+, compresi il matrimonio tra persone dello stesso sesso e le leggi anti-omofobia.

Movimento 5 Stelle

Essendo sfuggito al dilemma politico sinistra-destra, il Movimento 5 Stelle (M5S) si presenta ancora una volta alle elezioni come partito autonomo. Il partito è guidato dall’ex primo ministro Giuseppe Conte.

Il partito populista, il cui orientamento politico è sempre stato alquanto ambiguo, è stato fondato nel 2009 dal comico Beppe Grillo come forza anti-establishment di base che si oppone alla corruzione sistemica.

La sua ascesa negli anni 2010 è stata guidata dalla crisi dell’Eurozona e dal deterioramento delle condizioni socioeconomiche dell’Italia, ed è riuscito a diventare il partito più grande del paese sia nelle elezioni generali del 2013 che in quelle del 2018.

PUBBLICITÀ

Tuttavia, le divisioni all’interno del Movimento, le dimissioni dell’ex leader del partito Luigi di Maio e l’immagine sempre più corporativa del partito hanno diminuito il suo fascino populista. In effetti, i sondaggi mostrano che ha perso più della metà dei suoi elettori dal 2018.

Una nuova coalizione: Terzo Polo

L’ultima delle principali forze politiche è il cosiddetto “Terzo Polo”, una coalizione centrista composta dai partiti Azione (Azione) dell’ex ministro Carlo Calenda e Italia Viva dell’ex primo ministro Matteo Renzi.

Questo nuovo blocco si è formato dopo il crollo della coalizione di Calenda con il centrosinistra, durata solo cinque giorni, in agosto.

Entrambi i candidati poggiano attualmente su una piattaforma economicamente liberale ed europeista volta a rivitalizzare l’imprenditoria italiana e la digitalizzazione.

Oltre ai quattro principali blocchi politici, sono in competizione anche molti partiti più piccoli, dall’Unità Popolare di estrema sinistra (Unione Popolare, UP) alla neonata Italexit, che, come suggerisce il nome, sostiene l’uscita dell’Italia dall’UE.

PUBBLICITÀ

Dal momento che hanno tutti una quota di voti a una cifra, sembra improbabile che questi partiti ottengano molti seggi in parlamento o superino la soglia richiesta.

Quali sono i temi all’ordine del giorno prima delle elezioni?

Mentre la guerra in corso in Ucraina ha causato una grave crisi energetica in tutta Europa, l’aumento delle bollette e il sempre crescente costo della vita sono stati al centro dei dibattiti elettorali.

Un recente sondaggio Quorum/YouTrend ha mostrato che il 90% degli italiani è preoccupato per la bolletta energetica.

Il centrosinistra propone un tetto massimo sui prezzi delle bollette, mentre la destra chiede l’autosufficienza energetica, in particolare promuovendo l’energia nucleare, ed è stata criticata dai suoi oppositori per aver collegato le sanzioni all’aumento dei prezzi.

Un altro importante argomento di discussione è il Piano di ripresa e resilienza post-Covid-19 dell’Italia, che fa parte degli sforzi a livello UE per trasferire risorse alle economie degli Stati membri e prevede 190 miliardi di euro di aiuti da Bruxelles.

PUBBLICITÀ

Il Pd sostiene il piano nella sua forma attuale, mentre Fratelli d’Italia chiede riforme.

Un’altra promessa elettorale della destra è il progetto della “imposta di base”. Questa tassa prevede un’imposta massima del 15% su tutti i cittadini, indipendentemente dal loro reddito. Alla mossa si oppone il centrosinistra, che sostiene la tassazione progressiva.

Sebbene l’immigrazione non sia più così importante come lo era nelle elezioni del 2018, non è scomparsa dall’agenda dei partiti.

Salvini, e in misura minore Meloni, inquadrano l’immigrazione come una questione di sicurezza e chiedono un inasprimento delle leggi sull’immigrazione esistenti.

La crisi climatica e ambientale è una questione importante per il centrosinistra e il Movimento Cinque Stelle, ma è espressa da tutti i partiti.

PUBBLICITÀ

Infine, man mano che la campagna procede, vengono sollevate anche domande sui diritti LGBTQ+, in particolare perché la prospettiva di un governo di destra socialmente conservatore solleva preoccupazioni in questi ambienti. All’inizio di questo mese, un attivista LGBTQ+ ha fatto irruzione sul palco di un raduno di Fratelli d’Italia e ha litigato con la Meloni.

La Meloni, contraria al matrimonio e all’adozione tra persone dello stesso sesso, si era recentemente opposta alla rappresentazione dei genitori gay in un episodio del cartone animato Peppa Pig.

Tuttavia, il partito di estrema destra ha promesso di mantenere il diritto alle unioni civili per gli omosessuali, cosa a cui si è opposto quando è entrato in vigore nel 2016.

Cosa dicono i sondaggi d’opinione?

A causa dei rapidi cambiamenti nella politica italiana, negli ultimi anni anche i sondaggi d’opinione hanno registrato forti fluttuazioni.

Ad esempio, quando dieci anni fa il partito di Berlusconi era in testa nei sondaggi; La Lega di Matteo Salvini cinque anni fa; Ora, Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni, che ha ricevuto solo il 4% dei voti nel 2018, ha preso la guida.

PUBBLICITÀ

Secondo i sondaggi, la rapida ascesa della Meloni sembra destinata a vederla diventare la prima donna primo ministro italiano. Si ritiene che il partito, che dovrebbe ricevere voti tra il 46 e il 48%, avrà un tasso di voto ben al di sopra della soglia di voto del 40%.

Da solo Fratelli d’Italia ha il 24-26% dei voti, mentre Lega e Forza Italia hanno rispettivamente il 12-14% e il 7-9%.

Mentre il tasso di voto della restante coalizione di centrosinistra è intorno al 27-29%, il tasso di voto del Partito Democratico è tra il 22-24%. Il Movimento Cinque Stelle è attualmente al 13-14%, mentre il blocco del “Terzo Polo” è al 5-7%.

Tuttavia, il fatto che il numero degli elettori indecisi sia piuttosto elevato e che il 40% degli elettori non abbia intenzione di votare indica che il quadro elettorale potrebbe cambiare.

Se vince Giorgia Meloni sarà il premier delle “prime volte”

I sondaggi d’opinione indicano che l’alleanza di destra, composta dall’estrema destra FdI guidata da Meloni, dal partito della Lega guidato da Matteo Salvini, da Forza Italia guidata da Silvio Berlusconi e da alcuni partiti minori, otterrà la maggioranza per formare un governo.

PUBBLICITÀ

In tal caso, Meloni dovrebbe diventare il nuovo primo ministro, poiché l’alleanza di destra ha concordato che il primo ministro con più voti sarà determinato da essa, e la FdI guidata da Meloni è vicina a questo.

La nomina del leader di FdI Meloni a Primo Ministro italiano porterà “primati” sotto molti aspetti.

Quando la Meloni diventerà presidente del Consiglio sarà “la prima volta nella storia d’Italia” che una donna” ricoprirà questo incarico.

Inoltre, se la Meloni diventasse primo ministro, sarebbe “la prima volta che un politico di estrema destra nel Paese” sarà primo ministro dopo Benito Mussolini.

Se Giorgia Meloni diventasse primo ministro, sarebbe “il primo leader del Paese a ricoprire questo incarico attraverso le elezioni dal 2008”.

PUBBLICITÀ

I 6 primi ministri che si sono insediati in Italia negli ultimi 10 anni non sono stati eletti dopo aver concorso per la carica di primo ministro alle elezioni, ma sono stati nominati dai presidenti.

Cevap bırakın

E-posta hesabınız yayımlanmayacak.

Bu web sitesi deneyiminizi geliştirmek için çerezleri kullanır. Bununla iyi olduğunuzu varsayacağız, ancak isterseniz vazgeçebilirsiniz. Kabul etmek Mesajları Oku

Antalya Haber Sunucu
gaziantep bayan escort antep escort marsbahis giriş marsbahis giriş